Archivio mensile:dicembre 2018

Rimonta da favola, Pressano batticuore fa sua la Supercoppa!

Pazza, tenace, inesauribile. Una Pallamano Pressano CR Lavis da infarto fa sua la Supercoppa italiana, conquistando il secondo titolo della propria storia al PalaPalumbo di Salerno. Un successo straordinario, clamoroso e più che mai emozionante per i gialloneri che hanno compiuto una vera e propria impresa. Portare a casa un titolo con una rimonta encomiabile sui Campioni d’Italia della Junior Fasano ha tutti i contorni di un capolavoro, confezionato dalla grinta trentina e dal genio tattico di mister Branko Dumnic. E dire che per 50 minuti su sessanta un Pressano non fra i migliori in stagione era stato costretto ad inseguire gli avversari, apparsi decisamente più in serata. Invece il cuore ha vinto, ha vinto la superiorità e la determinazione giallonera, che da 43 anni porta avanti la società, ora con due trofei in bacheca. Un sogno, dopo la Coppa Italia di febbraio, che diventa realtà e colora così di giallonero un 2018 da favola per la società della frazione di Lavis. Nel match è battaglia vera: Pressano tuttavia scende in campo con netto ritardo ed i primi minuti sono appannaggio della truppa di Ancona, decisamente più carica nell’avvio di gara. Formidabile il 5-1 per Fasano firmato Donoso che dopo 10′ condanna Pressano ad una gara in salita: i gialloneri scivolano anche a -5 e Notarangelo ha il contropiede di un funesto 8-2 ma Sampaolo para ed in casa Pressano le idee si ristabiliscono. Con una ritrovata difesa, i gialloneri rosicchiano rete su rete nonostante qualche ulteriore errore in attacco ed a 10′ dalla fine del primo tempo si compie una clamorosa rimonta, 8-8. Fasano si scompone, non riesce a reagire ma Pressano non affonda il colpo ed a fine primo tempo lo score dice 12-12, perfetta parità con i gialloneri abili a sventare un’inferiorità numerica. Quello che riserva il secondo tempo però è da pura follia: parte bene Pressano che subisce due reti ma ne piazza 3. Pazzesco Di Maggio, perfetto dai sette metri e preciso dall’ala, a trascinare i compagni sul 15-14 in favore giallonero ma Fasano non molla, getta il cuore oltre l’ostacolo e ribalta tutto. Due palloni persi banalmente concedono due contropiede ai pugliesi che si portano a condurre. Tutto da rifare per Pressano che sembrava poter portare il match sui propri binari ed invece si ritrova ad inseguire. Una doccia gelata per i trentini che a 10′ dal termine scivolano sotto anche di 2 reti, sul 21-19. Considerato il basso numero di reti la gara sembra compromessa ma proprio nel momento di difficoltà emerge il cuore di Pressano. Ancora Di Maggio buca Fovio, i gialloneri tornano sotto e pareggiano, 21-21. Ma con 3 inferiorità numeriche le cose si mettono davvero male per Pressano. Dumnic e la sua squadra tuttavia escono con gli interessi da una situazione critica: recuperano palla con due uomini in meno, Bolognani buca Fovio, poi Dallago mette il sigillo del 22-24 ad un minuto dal termine. L’ultimo giro di lancette è da cardiopalmo: Fasano conquista il rigore della speranza a 30″ dalla fine ma la traversa dice no a Knezevic. Finisce lì la gara, Pressano trionfa. Per la seconda volta. Raggiante mister Branko Dumnic, condottiero di un capolavoro:”Non era facile – esordisce il mister – giocare contro Fasano dopo aver vinto di 10 reti in casa. Siamo stati davvero bravi a non scomporci sul meno cinque dopo pochi minuti. Davvero stupenda – commenta – la reazione che ci ha portati all’8-8. Abbiamo saputo girare la partita psicologicamente e poi nel secondo tempo una grinta e determinazione pazzeschi ci hanno portato al trionfo. Giocare gli ultimi minuti in inferiorità numerica e vincere la partita non è cosa da pochi. Abbiamo confezionato un vero e proprio gioiello, il secondo titolo per questa società. Ringrazio i ragazzi – conclude – hanno meritato questo successo davvero fenomenale.”

Junior Fasano – Pressano 22-24 (p.t. 12-12)

Junior Fasano: Fovio, Messina 1, De Santis, Radovcic 2, Venturi, Corcione 2, Angiolini 3, Pugliese 1, Bargelli, Bronzo 2, Donoso 6, Knezevic 5, Notarangelo, Gallo, Palmisano, Vinci. All. Ancona

Pressano: Facchinelli, Dallago 5, Chistè, Bolognani 1, D’Antino 1, Di Maggio 8, Moser M., Giongo 4, Sampaolo, Alessandrini 4, Argentin, Folgheraiter, Moser N., Dedovic 1, Fadanelli, Mazzucchi. All. Dumnic

Arbitri: Cosenza-Schiavone

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano a caccia della Supercoppa: in campo contro Fasano

È giunta l’ora di assegnare il primo trofeo stagionale. L’annata sportiva 2018/2019 entra nel vivo, si accende ad un passo dal Natale e lo fa con il “Supercoppa Day” che ormai da mesi rappresenta il punto di riferimento per la chiusura del 2018 della pallamano italiana. Annunciato lo scorso 24 giugno, il grande evento che assegnerà la Supercoppa maschile e femminile al Pala Palumbo di Salerno è arrivato e per la Pallamano Pressano CR Lavis si tratta di un’occasione importantissima per la storia del club. I gialloneri sono infatti già in terra campana in qualità di vincitori della Coppa Italia 2018 per affrontare i Campioni d’Italia in carica della Junior Fasano. Una sfida che concentrerà tutte le attenzioni della pallamano italiana, grazie anche alla copertura televisiva in diretta garantita da Sportitalia che trasmetterà sia il match femminile che quello maschile. Sarà quindi una domenica di pallamano, dove i gialloneri cercheranno di portare a casa il secondo titolo della propria storia: di fronte ci sarà una Junior Fasano in ripresa dopo un avvio di stagione opaco; i pugliesi cercheranno di scacciare tutte le note negative di questi primi mesi portando a casa il trofeo. Tanta determinazione dunque e tanti retroscena accompagnano la vigilia di Supercoppa per le due squadre: in campo la qualità sarà massima e le due squadre potranno contare su tutti gli effettivi a disposizione. In primis la sfida a distanza fra Vito Fovio e Valerio Sampaolo, i due estremi difensori italiani di punta della Serie A1, veri mostri sacri; così come sarà battaglia fra Adriano Di Maggio ed Umberto Bronzo, il “vecchio” ed il nuovo fra i mancini azzurri. Per poi contare tutte le altre stelle che animeranno un match che si preannuncia più che combattuto ed equilibrato. L’attesa è dunque terminata, le due squadre sono pronte a darsi battaglia e capitan Alessio Giongo suona la carica in casa Pressano:”Giocarsi il primo trofeo della stagione è un qualcosa di molto prestigioso e stimolante per la nostra squadra – commenta il capitano – Sarà per noi la seconda Supercoppa dopo quella persa nel 2015 a Bolzano, un’occasione quindi che non capita affatto di frequente. L’obiettivo è quello di giocare al nostro meglio, dare tutto per non avere rimpianti: sappiamo di aver di fronte una delle squadre più attrezzate e non per nulla si tratta dei Campioni d’Italia del Fasano; prevedo una gara combattuta, equilibrata ed appassionante per tutto il pubblico.”

Il fischio d’inizio del match è fissato per le ore 19.00 in diretta TV su Sportitalia: la direzione di gara è affidata agli esperti fischietti siciliani Giuseppe Cosenza e Davide Schiavone.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Nazionale U17: Fadanelli, Sontacchi e Walcher convocati in azzurro

Tornano a tingersi di azzurro le selezioni giovanili giallonere: lo staff tecnico federale ha infatti diramato nella giornata di giovedì le convocazioni per la nazionale Under 17, impegnata ad inizio gennaio. Sono ben tre i convocati della Pallamano Pressano che vestiranno la maglia azzurra: si tratta del classe 2002 Nicola Fadanelli, già nel giro della nazionale dallo scorso anno, e degli altri due atleti Under 17 Jonas Walcher (2002) e Gabriele Sontacchi (2003), entrambi alla prima esperienza in nazionale. Un ritorno in azzurro massiccio dunque per le file giallonere che testimoniano ulteriormente la qualità del lavoro svolto: per Jonas Walcher, arrivato la passata stagione dal Bolzano, una grande soddisfazione ed un percorso di crescita veloce così come è stato celere il miglioramento di Gabriele Sontacchi, classe 2003 inserito alle finali nazionali U17 lo scorso anno ed in questa stagione apparso due volte anche in Serie A1 con la prima squadra. I tre gialloneri, assieme a tutti i compagni azzurrini, affronteranno la 4^ edizione del torneo giovanile “Pallamano Juego” a Paese (TV) dal 2 al 5 gennaio prossimi. Sarà occasione per lo staff tecnico federale per valutare nuovi atleti sui 32 totali convocati e sperimentare un nuovo gruppo nel quale la delegazione giallonera sarà la più numerosa.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano verso la Supercoppa: domenica appuntamento clou

Si avvicina a grandi passi il grande appuntamento della prima parte di stagione per la Pallamano Pressano CR Lavis. Concluso il 2018 di Serie A1 lo scorso sabato, con un trend in netta ripresa da ottobre ad oggi, i gialloneri guardano ora alla Supercoppa italiana in programma domenica sul campo neutro di Salerno, al Pala Palumbo. Il parquet salernitano ospiterà infatti il “Supercoppa Day”: alle 17.15 spazio alla Supercoppa femminile, mentre immediatamente dopo toccherà al maschile. Il tutto in diretta televisiva sull’emittente partner Sportitalia che trasmetterà entrambe le gare. Un vero e proprio evento quello costituito dalla FIGH che punta su questa domenica prenatalizia per offrire la miglior pallamano a tutto il pubblico. In campo ci saranno anche i gialloneri, vincitori della Coppa Italia 2018, opposti ai Campioni d’Italia della Junior Fasano. Una sfida di alto livello che si preannuncia più che mai combattuta: occasione rara per la Pallamano Pressano, giunta alla quinta chance-titolo della propria storia; i gialloneri hanno la possibilità di giocarsi il secondo trofeo della storia del club trentino e sono consapevoli del peso del match. Pressano è già andato vicino alla conquista della Supercoppa nel 2015 quando a Bolzano si imposero gli altoatesini per 27-26: un argento che lasciò l’amaro in bocca ma la storia offre sempre una possibilità in più. Ed ecco che la squadra di Dumnic sarà chiamata a superarsi per oltrepassare l’ostacolo fasanese, supportato dal solito nutritissimo gruppo di sostenitori: a Salerno sarà decisamente partita vera, secca ed emozionante come non mai. Il primo titolo della stagione è quindi in palio: undici sono i precedenti fra gialloneri e biancazzurri; sei vittorie per Fasano, un pareggio e quattro vittorie per Pressano di cui l’ultima ottenuta poco meno di un mese fa al Palavis con un 30-20 fin troppo generoso per essere considerato nell’ottica Supercoppa. Sarà tutt’altra gara, tutt’altro ambiente, tutt’altra posta in palio: meno di 5 giorni ed i gialloneri saranno chiamati al massimo sforzo per cercare di bagnare il Natale trentino con il secondo trofeo in 43 anni.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano brillante, Trieste al tappeto: 28-20 al Palavis

Ancora un grande Pressano, ancora una vittoria. La Pallamano Pressano CR Lavis fa valere la legge del fattore campo anche contro la Pallamano Trieste nella dodicesima giornata di Serie A1 maschile. Gli alabardati sono stati infatti nettamente sconfitti sul parquet trentino col punteggio di 28-20, uno score che inquadra bene la grande prestazione messa in campo dai ragazzi di Branko Dumnic, capaci di far valere ancora una volta la grande fase difensiva. I gialloneri mantengono dunque imbattuto il Palavis, dove non perdono proprio dalla prima giornata di campionato lo scorso 9 settembre, quando la capolista Bolzano espugnò il parquet trentino. Da lì solo vittorie ed un crescendo di condizione che proietta ora Pressano all’appuntamento clou dell’anno, la finalissima di Supercoppa italiana domenica prossima a Salerno contro i Campioni d’Italia della Junior Fasano. Successo fondamentale quello ottenuto dai gialloneri contro Trieste, in un match ricco di incognite che sono state ben presto sciolte nel corso della partita: l’avvio di gara premia subito i padroni di casa che con un ottimo Dedovic e le reti di Di Maggio si porta sul 6-3, complice anche l’ottima fase difensiva, capace di arginare le soluzioni giuliane. Trieste tuttavia non ci sta e reagisce ben presto, sfruttando qualche errore al tiro di troppo da parte dei padroni di casa: i biancorossi infatti raggiungono Pressano sul 10-10 a 6’ dalla fine del primo tempo ma i gialloneri hanno tutta l’intenzione di dimostrare superiorità. Con un finale di frazione in crescendo la truppa di casa sfrutta le parate di Sampaolo per schizzare in seconda fase, bucando Milovanovic per il break di 4-0 che chiude il primo tempo su 14-10. Punteggio che lancia i locali anche nella ripresa: solo i primi minuti sono equilibrati, con Lekovic che prova a scuotere i suoi ma dall’altra parte Pressano non si lascia intimorire. La difesa di casa si chiude, Sampaolo chiude la serranda ed in attacco le percentuali giallonere aumentano con due reti di Argentin e le soluzioni di Dallago: dal 17-13 si passa al 21-13 con un break di 4-0 che chiude di fatto l’incontro. Con dieci minuti di grande pallamano, Pressano mette così la parola fine all’incontro, toccando anche il +10 sul 26-16. Gli ultimi minuti infatti scorrono senza patemi d’animo: con la vittoria in tasca gira anche la panchina giallonera che sfila così in passerella nel finale dell’ultima gara interna del 2018. Ora Pressano guarda al grande appuntamento della Supercoppa: in buono stato di forma, seppur con capitan Giongo assente anche oggi, i gialloneri andranno a caccia del secondo titolo nella loro storia.

Pressano – Trieste 28-20 (p.t. 14-10)

Pressano: Facchinelli, Dallago 7, Chistè, Moser M. 1, Bolognani 4, Dedovic 3, D’Antino, Di Maggio 7, Mazzucchi, Fadanelli, Giongo, Sampaolo, Alessandrini 1, Argentin 3, Folgheraiter 2, Moser N. All. Dumnic

Trieste: Radojkovic 4, Lekovic 6, Hrovatin 1, Muran, Pernic 2, Modrusan, Di Nardo, Carpanese 1, Dovgan 4, Visintin 2, Sandrin, Milovanovic. All. Pucelj

Arbitri: Simone-Monitillo

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pressano ospita il Trieste e chiude il 2018 della Serie A1

Ultimo turno di campionato del 2018 di grande livello per la Pallamano Pressano CR Lavis che dopo due trasferte torna a calcare il parquet del Palavis per affrontare la Pallamano Trieste nella penultima giornata d’andata. Impegno ostico per i gialloneri che hanno vissuto negli ultimi giorni la prima settimana di regolare allenamento nell’ultimo mese, dove fra gare infrasettimanali e trasferte non c’è stata pausa alcuna. In palio fra Pressano e Trieste ci sono due punti decisamente pesanti: i padroni di casa capitanati da Giongo, in fase di recupero, puntano al bottino pieno per mantenere imbattuto il Palavis (5 vittorie nelle ultime 5 gare) e per restare nelle posizioni di vertice in classifica, ampliando ulteriormente lo strappo dal quinto posto in giù. Una piccola ma importante fetta di PlayOff quindi passa per questo big match della dodicesima giornata: di fronte ai trentini di Dumnic ci sarà un Trieste fra le grandi rivelazioni della stagioni. Partiti in maniera eccezionale, gli alabardati hanno ceduto le posizioni di vertice solo nell’ultimo mese a causa di qualche infortunio: recuperata tutta la squadra, fra cui il bomber Lekovic, Trieste arriva a Lavis con l’intento di riscattare la graduatoria e dare continuità al successo ottenuto sabato scorso contro Siena. Dal canto suo Pressano ha saputo mostrare gli artigli a Bressanone una settimana fa, espugnando il campo altoatesino con una prova di grande carattere. Lo stesso che servirà questa sera per cercare di chiudere al meglio il 2018 di campionato, concentrandosi poi sulla Supercoppa italiana in programma a Salerno domenica prossima 23 dicembre. Fischio d’inizio affidato alla coppia pugliese internazionale di spicco nel panorama arbitrale italiano composta dai sig. Simone e Monitillo; fuoco alle polveri fissato per le ore 19.00.

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Pronta reazione, Pressano espugna Bressanone 21-23

Con una reazione encomiabile la Pallamano Pressano CR Lavis rialza prontamente la testa e vince in casa del Bressanone, cogliendo una fondamentale vittoria in ottica classifica. Delicatissimo l’impegno a cui andavano incontro i gialloneri, reduci dalla sconfitta di Gaeta e dall’acciacco a capitan Giongo. Nonostante la pressione, Pressano ha mostrato tutto il proprio carattere, portando a casa un delizioso 21-23 che vale l’accesso alla Final Eight di Coppa Italia in programma a Trieste ad inizio marzo. In avvio di partita si vede tutta la voglia di riscatto giallonera: una difesa suprema annulla gli attacchi avversari. Sono tredici i tentativi falliti dal Brixen che dopo 14’ si ritrova sotto 0-5, frutto anche di un attacco non impeccabile sulla sponda trentina. È la molla che fa scattare la determinazione in casa Pressano: senza Giongo e Bolognani i ragazzi di Dumnic scaricano sul campo tutta la grinta possibile e riescono a mantenere un vantaggio considerevole, nonostante la reazione brissinense capace di ridurre a due reti il divario. A fine primo tempo i gialloneri sono bravi a stringere i denti e con un gol di Alessandrini allo scadere ristabiliscono il +4 sul 7-11. Miglior prestazione difensiva stagionale nel primo tempo e ripresa che comincia con Bressanone deciso a giocare il tutto per tutto: Nenadic, in ombra nella prima frazione, comincia a martellare ma Pressano tiene bene con alcune soluzioni offensive fin sull’11-15 del minuto 9. Qui i gialloneri hanno il primo pallone del +5 in tutta la partita ma il “braccino” li coglie alla sprovvista: Brixen cambia portiere, inserendo Wierer che para due rigori del possibile +5 a Pressano ed i padroni di casa nel frastuono del Palasport si scatenano. Tre inferiorità numeriche patite dai gialloneri, disuniti in difesa, garantiscono il 4-0 ai locali che pareggiano sul 15-15. Tutto da rifare per Dallago e compagni che nonostante la buona prestazione si trovano sul punteggio di parità: qui ancora una volta il carattere dei trentini emerge ed un ottimo Dedovic trascina la squadra sul 15-18. Lo strappo però non è ancora decisivo perché a 5’ dal termine in inferiorità numerica Bressanone impatta sul 20-20 e sembra poter girare la gara. Qui però sale in cattedra Sampaolo che nega il 21-20 a Basic e chiude la porta fino alla fine, garantendo ossigeno all’attacco ospite abile a ritornare avanti nello score con Dallago e gestire fino al 21-23 finale.

Bressanone – Pressano 21-23 (p.t. 7-11)

Bressanone: Pfattner, Mischi, Nenadic 6, Crespo 4, Castro 7, Dorfmann, Wieland, Wierer, Ranalter, Basic 2, Mitterrutzner C., Mitterrutzner W., Sader 2, Coppola, Schatzer, Brugger. All. Kramer

Pressano: Facchinelli, Dallago 6, Chistè, Moser M., Bolognani, Dedovic 6, D’Antino 4, Di Maggio, Sontacchi, Fadanelli, Giongo, Sampaolo, Alessandrini 2, Argentin 2, Folgheraiter 2, Moser N. All. Dumnic

Arbitri: Corioni-Falvo

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra