Pressano, al Palavis contro lo SKA Minsk per sorprendere

cropped-dsc022521.jpgÈ ormai alle spalle l’andata degli Ottavi di Finale di Challenge Cup tra Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra e SKA Minsk. In terra bielorussa i gialloneri hanno toccato con mano la potenza fisica e la preparazione degli avversari, vittoriosi per 39-25. Un risultato che mostra sì un divario consistente ma che nasconde quanto di buono siano riusciti a fare i pressanotti prima delle due partite. Di Maggio e compagni hanno infatti dimostrato di poter combattere fino alla fine, senza essere schiacciati in termini di tecnica o velocità: la differenza, alla fine, l’ha fatta il fisico, con la difesa bielorussa difficilissima da penetrare, accompagnata da un attacco esplosivo e sempre fresco grazie alla lunga panchina a disposizione di mister Mironovich. SKA Minsk più forte dunque ma non imbattibile: per lunghi tratti i gialloneri hanno lottato testa a testa con i “militari” professionisti e domenica, al ritorno, saranno sul piede di guerra per dare filo da torcere a campioni di altissimo livello internazionale come Shylovich, Pukhouski e Kamarou.

Il passaggio del turno è compromesso ma c’è una voglia estrema di stupire tutti davanti al pubblico amico, sempre caloroso e presente nelle occasioni importanti: proprio questo pubblico delle grandi occasioni sarà presente domenica perchè la storia si scrive nella tana giallonera, alle 18.00, quando una Coppa Europea tornerà in Trentino dopo 30 anni di assenza. Tutto è pronto nel palazzetto lavisano, tutti attendono la pallamano internazionale, un evento significativo che resterà nei ricordi di tutti gli appassionati. I gialloneri assaporano già la grande sfida, che non mancherà di essere equilibrata, elettrizzante e soprattutto di alto tasso tecnico.

Il -14 dell’andata, tuttavia, mette praticamente fine alle speranze di passaggio del turno:”Nello sport – commenta mister Ghedin – i miracoli accadono ma la pallamano in particolare è una disciplina dove raramente contano gli episodi e chi è superiore vince. Ci teniamo comunque questo simbolico 1% di possibilità di passaggio del turno”. La chiave per giocarsela in modo più equilibrato è rivedere se stessi:”Abbiamo l’obbligo di migliorarci rispetto a sabato scorso – prosegue Ghedin – perchè abbiamo commesso errori di troppo che possiamo e dobbiamo evitare. L’approccio sarà sicuramente diverso e il nostro obiettivo sarà diminuire drasticamente il divario nel punteggio.” Per quanto riguarda qualche critica giunta dopo la sconfitta Ghedin non si scompone:”Chi fa sport ad un livello alto deve saper filtrare le critiche e non deve mai cadere nel tranello di prendersela o disperarsi quando queste arrivano. Va sottolineato che il divario tra Pressano e Minsk non è solo sui 60′ di gioco: i bielorussi, oltre ad avere pressochè solo professionisti in squadra (Pressano ne ha 3, ndr), fanno 10 allenamenti a settimana. Se poi aggiungiamo il discorso budget – continua Ghedin – loro hanno in mano 1 milione di euro che, paragonato allo standard di vita italiano, sarebbe come avere qui una squadra da 6 milioni. La differenza è dunque radicale e non possiamo prendercela se perdiamo contro una squadra di livello come lo SKA Minsk, anzi, dobbiamo considerarla molto più di altre perchè mette in luce i nostri errori e va utilizzata per migliorarsi.”

Il Palavis, violato due volte negli ultimi 3 anni, è il teatro perfetto per questo match:”Si tratta della prima partita in Coppa a Pressano, coppa che torna in Trentino dopo 30 anni. Per questo penso che sia un’occasione clamorosa per la pallamano e per tutti gli appassionati: è un appuntamento imperdibile che non deluderà le attese. Spero in un pubblico delle grandi occasioni – annuncia il mister giallonero – e spero di rivedere tutte le splendide persone che ci hanno accompagnato per anni; se siamo qui, oggi, a disputare questa partita, è anche merito dei nostri tifosi che per due anni ci hanno sostenuto e spinto fino a traguardi inimmaginabili. Serve una chiamata a raccolta di tutto il popolo della pallamano, perchè al Palavis, domenica, si scriverà una tappa storica per questa società e per questo sport in Italia.”

L’appuntamento è dunque per questa domenica 24 febbraio alle 18.00 nello splendido teatro del Palavis per gli Ottavi di Finale di ritorno della EHF Challenge Cup: Pressano-Minsk per far sognare gli amanti di questo sport.

Domenica 24 febbraio h 18:00 | a Pressano

Pressano – SKA Minsk

Arbitri: Carlos Luque Cabrejas (ESP) – Ignacio Pascual Sanchez (ESP)

Delegato EHF: Sinisa Rudic (CRO)

Ufficio Stampa Pallamano Pressano Cassa Rurale Lavis/Valle di Cembra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...